Forni

Presente su alcuni forni Smeg, la Pirolisi è una funzione di pulizia automatica che, grazie alla temperatura di 500°C raggiunta, è in grado di bruciare sporco e grasso sulle pareti della cavità. Durante tutto il processo la porta ha una temepratura inferiore ai 55°C - Porta fredda - e rimane bloccata per una totale sicurezza. A fine ciclo, quando la cavità si è raffreddata, è sufficiente pulire l’interno, rimuovendo i residui di sporco e grasso bruciati con una spugna e poi ripassando con il panno in microfibra PAMI-1.

Il fumo grasso, derivante dal processo di combustione dei residui di cibi durante la funzione di Pirolisi, viene bruciato dalla resistenza grill e filtrato da un catalizzatore ceramico nella parte alta della cavità. Mescolato ad aria fresca dalla turbina di ventilazione, il fumo fuoriesce poi a bassa temperatura sotto forma di vapore acqueo attraverso la parte frontale del forno, sotto il frontalino comandi.

Non è possibile aprire la porta del forno dall'attivazione della funzione di Pirolisi e per tutto il processo. Solo verso la fine del ciclo, quando la temperatura si è abbassata, la porta può essere riaperta.

In condizioni di normale utilizzo del forno, è sufficiente attivare la funzione di Pirolisi una volta al mese. Qualora si effettuino cotture frequenti o con grosse quantità di cibo è tuttavia consigliabile effettuare cicli più sovente

Nei forni da incasso, prima di attivare il processo di Pirolisi devono assolutamente essere tolti tutti gli accessori interni (bacinella, griglia forno, piastra pizza, guide telescopiche, ecc.) e la protezione superiore, o volta mobile. Si consiglia sempre di consultare sempre il libretto istruzioni per un uso corretto della funzione.

Nei forni Smeg la Pirolisi può essere impostata in base alla quantità di sporco da rimuovere. In caso di pochi residui da eliminare è sufficiente la funzione Pirolisi ECO della durata di 1 ora e mezzo. Mentre quando la cavità è molto sporca si consiglia di impostare la durate della pulizia per 3 ore.

I forni Pirolitici Smeg durante il processo di Pirolisi hanno una superficie esterna con la temperatura più bassa possibile 55°C , grazie alla doppia coibentazione, alla ventilazione forzata continua, al termostato di sicurezza e soprattutto ai 4 pannelli in vetro temperato nella porta.

Il pannello - o Volta Mobile - estraibile nella parte superiore interna del forno Smeg è una dotazione che protegge da schizzi di grasso durante la cottura. Al termine, dopo aver lasciato raffreddare il forno, il pannello può essere rimosso per agevolare la pulizia manuale con il detergente specifico Smeg PULIFORNO e una spugnetta non abrasiva. A completamento, è bene risciacquare con il panno in microfibra PAMI-1. La volta mobile può essere anche comodamente lavata in lavastoviglie.

Durante la cottura di cibi contenenti molta acqua, è normale il formarsi di condensa tra i vetri della porta. Per ovviare a questo inconveniente, nei forni Smeg più recenti la condensa viene riscaldata dalla resistenza superiore e poi reimmessa in circolo grazie al sistema di raffreddamento tangenziale. Inoltre la porta del forno è stata dotata di vetro interno facilmente smontabile e rimovibile, come indicato sul libretto istruzioni, per una pulizia agevole e approfondita.

Il forno da incasso può essere posizionato sotto il piano di cottura nella sua nicchia predisposta, in quanto la maggioranza dei modelli Smeg è raffreddata tramite ventilazione forzata continua, e quindi non vi è pericolo di danneggiamento del piano. Per una corretta installazione, consultare il libretto di istruzioni allegato al prodotto.

La ventola di raffreddamento del forno continua a girare per circa 20 minuti anche dopo il suo spegnimento, per accelerare l’abbassamento della temperatura interna.

Per i forni da incasso Smeg viene dichiarato il volume interno netto, secondo la normativa vigente, mentre altre aziende indicano il valorelordo. Nei forni Smeg alla capacità netta di 68 litri - Grandi Volumi - corrisponde un valore lordo di 79 litri.

Le guide telescopiche previste per l’installazione sui forni Smeg consentono di introdurre ed estrarre più agevolmente le bacinelle o le griglie che scorrono in tutta sicurezza. Una maggiore praticità nel controllo del cibo in cottura, poiché evita di dover inserire la mano all'interno del forno caldo.

Le guide telescopiche in acciaio inox devono essere assolutamente rimosse dal forno Smeg, così come i telai laterali e gli altri accessori interni, prima di attivare il processo di Pirolisi.

La Pietra Pizza, presente su diversi modelli di forni Smeg, è facilmente pulibile con aceto e una spugnetta da cucina non abrasiva, risciacquando poi accuratamente. Per sporcare meno la pietra, si suggerisce di porre sotto la pizza o il cibo da cuocere un foglio di carta da forno, da rimuovere al termine della cottura.

Quale accessorio da utilizzare sulla Pietra Smeg propone un'apposita Paletta pizza per infornare ed estrarre la pizza in tutta comodità.

In alcuni modelli di forni Smeg il controllo elettronico offre diversi vantaggi, quali i tempi di preriscaldamento e di cottura più veloci, l'uniformità della temperatura impostata con oscillazioni minime di 2-3°C, la cavità meglio coibentata e la porta a 3 o addirittura 4 vetri temperati (a seconda dei modelli), oltre alla classe energetica A superiore (A-20% o A-10%), garanzia di consumi ridotti.

Un forno da incasso elettronico Smeg è intuitivo nel suo funzionamento. Il display presente su diversi modelli è chiaro e facile da impostare. Si consiglia sempre di consultare il libretto istruzioni per avere utili informazioni sull’utilizzo del forno.

Già con l'impostazione della funzione di cottura, i forni Smeg effettuano automaticamente un preriscaldamento e segnalano tramite la spia del termostato, oppure un suono (beep), quando è ora di infornare il cibo.

Un forno nuovo, alla prima accensione, emette sempre odore per i residui di fabbricazione. Prima di iniziare ad utilizzarlo per cotture di cibi, è buona norma riscaldare il forno a vuoto alla massima temperatura per circa 1 ora, aprendo la finestra per ventilare l’ambiente.

Alcuni modelli di forni Smeg prevedono il sistema Smart Chef, un programma di ricette preimpostate tra cui è possibile scegliere quelle che si preparano più spesso. Le ricette memorizzate, riportate anche sul libretto istruzioni, fanno riferimento a precise quantità, per ottenere il migliore risultato. Dopo averle provate, se si desidera modificare un parametro, come la funzione, la temperatura, il tempo e il livello di cottura ( 1-2-3-4 partendo dal basso), è possibile memorizzare il nuovo valore, adattandolo al proprio gusto personale. Già dalla cottura successiva la nuova ricetta è selezionabile.

In diversi modelli di forni Smeg, è prevista la funzione ECO, particolarmente indicata per la cottura di piccole quantità di cibo su un solo ripiano. Avviene tramite la combinazione del grill e della resistenza inferiore più la ventola (nei modelli ventilati) con bassi consumi energetici.

Nei forni Smeg, la cottura ventilata avviene tramite la combinazione della ventola con la resistenza circolare. La modalità termoventilata o turboventilata, invece, funziona grazie alla combinazione della funzione ventilata con le resistenze superiore e inferiore, permettendo la cottura di cibi diversi su più piani, senza mescolanza di odori, con un risparmio di tempo, energia e, quindi, una minore spesa.

Per identificare la funzione più idonea alla cottura dei diversi cibi è utile consultare il libretto istruzioni accluso ai forni Smeg. Qui sono esposte in modo chiaro e approfondito le diverse funzioni di cottura in base al tipo di alimento, con l’indicazione dei tempi di cottura, della temperatura e della posizione della teglia.

Nei forni Smeg la funzione “scongelamento“ permette di scongelare gli alimenti in tempi più rapidi, grazie al movimento d’aria a temperatura ambiente, assicurato dalla ventola.